×

La Primavera in Corsica Centrale

Da Nathalie il 19/03/2015

Corsica Centrale, tradizione pastorale sempre viva

La tradizione pastorale, sempre viva, ha forgiato “U Centru di Corsica” fino a imprimergli la gran parte della sua identità culturale, sia dal punto di vista paesaggistico che architettonico.

Arrivando da Ajaccio e andando verso  Corte, attraverserete la regione Venacaise nel cuore del Parco naturale regionale della Corsica. Terra di pastorizia e di transumanza, la regione di Venaco è famosa perché produce i formaggi più rinomati dell'isola. All’inizio di maggio, la fiera regionale del formaggio casaro richiama i maggiori produttori di formaggi casari di tutta l'isola, un appuntamento da non perdere per i buongustai!

Non dimenticatevi di ammirare il  Ponte del Vecchio  eretto da  Gustave Eiffel  grazie al quale il  treno può passare sopra il viadotto.

Si possono visitare numerosi villaggiche hanno il fascino tipico dei villaggi corsi arroccati sulla montagna come il villaggio di Muracciole.

Corte, antica capitale della Corsica indipendente dal tempo di Pascal Paoli,  è dominata dalla sua cittadella eretta su un picco roccioso. Prima di visitare il museo etnografico della Corsica approfittate della splendida vista che si gode dal borgo a nido d’aquila. All'ingresso di Corte  comincia la valle della Restonica da cui si può, quando il tempo lo permette, tentare un’escursione verso i laghi di Melo e di Capitello.

Mentre ammirate nel centro cittàla Cappelladi Santa Croce cercate di assaggiare il falculellu, una specialità dolce al brocciu servita su una foglia di castagna. La sera del giovedì Santo aCortesi svolge la cerimonia della " Granitola", processione a forma di lumaca che si avvolge e si srotola in un lento movimento. La sera del venerdì santo il Cristo e Maria vengono portati in processione attraverso le vie della città vecchia illuminata dalla luce delle candele.   Corte è la sola città della Corsica dove si venera il Cristo con una figura che giace su un giaciglio portato lungo la strada dai  penitenti.

Il 2° week-end di giugno,la Fieraregionale del cavallo, " Cavall'in festa " è l'appuntamento da non perdere della filiera  equina insulare e degli agricoltori. In programma: sfilate equestri, attività destinate ai bambini, ballate, attelage, volteggio, addestramento.

L’Asco e il  Niolo

L'alta valle dell'Asco nasce ai piedi del Monte Cinto, la cima più alta della Corsica che culmina a2851 metri. Passando dalla Scala di Santa Regina, una vecchia via di accesso del Niolo dove si avventurano  solo i pastori e gli escursionisti esperti, apprezzerete l’altro aspetto della Corsica quello aspro e selvaggio.

Se da Calacuccia prendete uno dei numerosi sentieri di transumanza, ammirerete la ricchezza della flora montana e con un po’ di fortuna potrete sorprendere un muflone,  vedere planare un gipeto o un aquila reale,  i veri signori della montagna corsa.

Con i bambini è possibile fare delle visite guidate al villaggio delle tartarughe di  Moltifao e passeggiare  fino al ponte genovese di Asco che un tempo collegava  l’ Asco al Niolo. 

Saperne di più +

I clienti ano apprezzati

  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Average rating: 0/5 (0 somma dei voti)

Laissez votre commentaire

(écrivez votre commentaire, puis identifiez-vous)

Leggere anche...