Dolce vita nella Regione di Bastia

Da Johanna il 12/07/2018

Una giornata ritmata dalla scoperta della città di Bastia!

Primo risveglio a Bastia. Dalla mia camera d'albergo, situata nel cuore della Cittadella, si gode di una vista mozzafiato sulle isole d'Elba e Capraia. La prospettiva della colazione mi dà la forza di staccarmi da questo incatevole panorama: torta di farina di castagne, spremuta di agrumi, marmellate e mieli della Corsica…

La colazione si fa in terrazza naturalmente, con vista sul vecchio porto e le sue case dai colori caldi, e la chiesa di San Giovanni, tutto il ritmato dall’andirivieni delle barche in partenza per l'Italia.

 

Appena fuori dall'hotel, eccomi subito in Place du Donjon, di fronte al Museo e al Palazzo dei Governatori e la sua imponente facciata di influenza genovese. Bastia città d'arte e di storia mostra i suoi tesori più preziosi. Alla mia sinistra, una stradina stretta e fiancheggiata da piccoli negozi mi conduce alla chiesa di Santa Maria, dove si trova la Vergine d'Argento, orgoglio degli abitanti di Bastia. Più in basso, la Cappella del Cristo Nero rivela il suo barocco flamboyant.

 

Al Museo si sta preparando un grande evento: il festival « Creazione » sta per iniziare... 3 giorni in cui i creatori corsi provenienti dai quattro angoli dell'isola incontrano il loro pubblico. Coltelli, vestiti, pelletteria, gioielli, arredi, un'offerta da far girare la testa!

 

Poi mi dirigo verso il Jardin Romieu, una vera e propria oasi di pace nel cuore della città; c’è tanto verde e I fiori particolarmente profumati in questo inizio d’estate.

 

Qualche minuto dopo, eccomi al vecchio porto, dove i pescatori scaricano l'ultimo pescato.

 

Continuo il mio viaggio passando davanti alla chiesa di San Giovanni Battista e ai suoi due campanili, e non posso non fermarmi per una breve visita: ecco che vedo il maestoso organo... I miei passi mi portano poi al mercato e sulle bancarelle che risvegliano i miei sensi: salumi, frittelle, migliacci e formaggi fanno tutti parte del menù!

 

La mia visita continua in rue Napoléon, dove le boutique dei designer corsi competono con le grandi firme: gioielli, arredamento, abiti, l'offerta "made in Corsica" sta diventando sempre più ricca e di qualità. E  come non citare anche i negozi pittoreschi e fuori del tempo, che esistoron da oltre un secolo, conferendo a questa via un fascino speciale.

 

 

È mezzogiorno quando decido di fare una pausa in un locale in Place Saint Nicolas, circondata da molti ristoranti e caffè. Questo è il punto di ritrovo di un po’ tutte le generazioni, dai più giovani agli adulti... All'ombra dei platani, sono tentata da un pranzo leggero che sa di Corsica: agnello arrosto con le erbe della macchia mediterranea e i verdurine, gelato al brocciu e canistrelli, il tutto accompagnato da un Patrimoniu DOC.

 

 

Nel primo pomeriggio è d’obbiligo una passeggiata di shopping lungo Cours Paoli e la Rue César Campinchi, arterie commerciali della città.

 

La mio viaggio alla scoperta della Regione di Bastia termina a Erbalunga, la porta di accesso a Cap Corse: ristoranti, caffè e negozi fanno la felicità dei visitatori, mentre la torre genovese sembra sorvegliare il paese e le sue strade di acciottolato.

 

E se mi rimane ancora un po' di energia, andrò sicuramente a passeggiare al vecchio porto, dove i Bastiesi si incontrano per un momento di convivialità al tramonto!

 

Guarda il video "Dolce vita nella regione di Bastia" dell'Ufficio del Turismo di Bastia

The most

Retrouvez l'agenda des sorties en Pays Bastiais

www.bastia-tourisme.com

I clienti ano apprezzati

  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Average rating: 0/5 (0 somma dei voti)

Laissez votre commentaire

(écrivez votre commentaire, puis identifiez-vous)

Leggere anche...