Scoprite la GT 20 !

La Corsica, destinazione ciclistica

Andare in bicicletta durante le vacanze è la tendenza attuale. L'arte di scoprire una regione pedalando è innovativa e conquista. Così oggi il "cicloturismo" si posiziona come un settore fiorente e in crescita.

Insella e via!

Il cicloturismo è un settore di punta proiettato nel futuro, in cui la Corsica potrebbe ritrovarsi rapidamente ai primi posti. L’isola sta per proporsi come una perfetta “fuga sulle due ruote”? Ne ha tutte le potenzialità . Paesaggi mozzafiato e clima sempre bello.. Ma soprattutto, si sta dotando di tutti i mezzi giusti
Due grandi progetti faro portati avanti dall’ Agenzia per il Turismo della Corsica (ATC) sono pronti a fare la differenza. E rivisitano completamente  l’assioma « sport-natura» collocandolo su un piedistallo. 
« INTENSE », « GT 20 » : dietro  questi acronimi, due itinerari in bicicletta  che attraversano l‘isola da  Nord a Sud, fra mare e  montagna e guidano i desideri di scoperta. INTENSE sta per  Itinerari turisticu sostenibili, Itinerario turistico sostenibile , e propone un asse Corsica-Italia con scalo dal lato delle Alpi, passando per la costa  occidentale dell’isola . Quanto al GT 20, comprende « La grande traversata », il suo percorso è scandito dai villaggi dell’interno ed è collegato alla mitica  GR 20. Ma qualunque sia il sentiero imboccato, fare del turismo diverso e sostenibile imporra’ comunque il suo ritmo. Che non è nient’altro se non il ritmo dell’autenticità…

    GT 20 : « La grande traversata » dal Capi a Bunifaziu

 

E il nuovo fiore all’occhiello dell’offerta ciclo-turistica  portata avanti dall’Agenzia per il turismo della Corsica e destinata a creare degli emuli . E con le sue tredici tappe ripartite su  550 km, vale sempre la pena di fare una deviazione. Bicicletta, mountain bike e, novità , la bici elettrica, è un altro volto della Corsica quello che vi apparirà.

Quando il rilievo tortuoso dell’isola si trasforma in formidabile terreno d’avventura, disegna una grande dorsale,  che si declina dal Capi a Bunifaziu, con anelli di raccordo e profumo di libertà all’aria aperta. La grande traversata mantiene le promesse del suo nome. Lungo il suo percorso, il fascino discreto dei villaggi di montagna, une vista strepitosa sul mare e deviazioni possibili verso le vette eteree della GR 20. Quanti amano le emozioni forti o semplicemente coloro che hanno voglia di cambiare orizzonti e di relax saranno soddisfatti. Che si sia sportivi confermati o semplici appassionati, infatti, la scelta è ampia.  A ciascuno la propria  GT 20 insomma. E piaceri e scoperte sempre diversi .  

Buona notizia, anche la bici elettrica  a pedalata assistita (in francese VAE) è della partita. La giovane start-up Appebike si impegna particolarmente sul tema come il produttore di motori di batterie  Bosch. Postazioni di ricarica sono già collocate lungo il percorso. Percorso che si declina su un asse Nord Sud. Bastia è la città di partenza, poi il tracciato imbocca il Capi dal lato di Ersa, piccolo comune di centocinquanta anime. Ersa, con le sue   11 frazioni, è famosa per i suoi mulini.  Quindi direzione verso la zona  Unesco di Portu e il suo imponente panorama scolpito da blocchi di granito rosso . Una biforcazione  verso la città di Corti è anch’ essa in agenda. Senza dimenticare il passaggio dal colle di Verghju situato a 1400 metri d’altitudine e punto   culminante della GT 20. Infine, il tracciato si conclude  a Bunifaziu, la città che si erge sul promontorio . Questo il percorso  principale, senza contare le varianti e gli assi di raccordo. E’ avviata infatti una rete di percorsi  intercomunali così come un itinerario nella costa orientale dell'isola lungo la vecchia linea ferroviaria. Dietro i vari percorsi come si è capito, ci sono le ambizioni di tutta l’isola. Disporre di un’offerta di escursioni e randonnée  in bicicletta che copra la totalità del territorio, ecco l’obiettivo. L'ATC intende unire le attività legate alla bicicletta e alla natura attorno a un progetto turistico strutturato.

L’Agenzia punta inoltre a riequilibrare i flussi turistici sul territorio della Corsica valorizzando l’interno dell’isola, sviluppando soggiorni dedicati .  Infine, l’ATC s’orienta  verso un turismo sostenibile, in linea con la roadmap del turismo che prevede a termine di fare della Corsica « l’isola verde del Mediterraneo. »

 

 

In pratica  :

-Un itinerario della durata di 10 giorni. Da percorrere nella totalità o in parte .
-Calcolate 135 euro per il noleggio di una  bici VAE per una settimana e  10€ in più per ogni giornata supplementare .
-In fatto di servizi, Appebike, prima start-up , ha previsto tutto. Le bici elettriche vengono consegnate al punto di partenza e recuperate all’arrivo. Viene proposto anche il trasferimento del bagagli fra le tappe (a partire da  200 euro a persona al giorno)
-10 postazioni di ricarica sono attualmente già installate sul percorso e operative 

  

INTENSE,  un itinerario in bicicletta nel cuore del Mediterraneo

 

Con « Intense », itinerario turistico sostenibile, l’ATC gioca un’altra carta, europea e mediterranea questa volta.  Il progetto : un asse Francia continentale-Corsica-Italia. Innovativo a tanti livelli e  per lo più costiero, Intense ha di che conquistare  gli appassionati della bicicletta. E gli sportivi in generale.

Cambio di marcia e largo al partenariato transfrontaliero. Con lo sviluppo sostenibile come filo conduttore, Intense è il risultato di una collaborazione fra 14 partner di 5 regioni (Corsica, Liguria, Toscana, Sardegna, Alpi Marittime). Con un budget totale dell’ordine di 5 milioni di euro che potrà essere elargito nei prossimi mesi e di cui l’ 85% sarà finanziato dai fondi  FEDER (Fondi Europei di Sviluppo regionale). Essendo il percorso in Corsica, è l’ATC che è stato designato capofila del progetto. Ed è la costa occidentale della Corsica che è stata scelta per l’itinerario definitivo. Anche se naturalmente alcune varianti sono ancora possibili. Ma marginalmente.

 

 

In sella e via!Il cicloturismo è un settore di punta proiettato nel futuro, in cui la Corsica potrebbe ritrovarsi rapidamente ai primi posti. L’isola sta per proporsi come una perfetta “fuga sulle due ruote”? Ne ha tutte le potenzialità . Paesaggi mozzafiato e clima sempre bello.. Ma soprattutto, si sta dotando di tutti i mezzi giustiDue grandi progetti faro portati avanti dall’ Agenzia per il Turismo della Corsica (ATC) sono pronti a fare la differenza. E rivisitano completamente  l’assioma « sport-natura» collocandolo su un piedistallo. « INTENSE », « GT 20 » : dietro  questi acronimi, due itinerari in bicicletta  che attraversano l‘isola da  Nord a Sud, fra mare e  montagna e guidano i desideri di scoperta. INTENSE sta per  Itinerari turisticu sostenibili, Itinerario turistico sostenibile , e propone un asse Corsica-Italia con scalo dal lato delle Alpi, passando per la costa  occidentale dell’isola . Quanto al GT 20, comprende « La grande traversata », il suo percorso è scandito dai villaggi dell’interno ed è collegato alla mitica  GR 20. Ma qualunque sia il sentiero imboccato, fare del turismo diverso e sostenibile imporra’ comunque il suo ritmo. Che non è nient’altro se non il ritmo dell’autenticità…

I clienti hanno apprezzato

  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Average rating: 0/5 (0 somma dei voti)